AI & ROBOTICA

Usa, McDonald’s abbandona l’intelligenza artificiale

Troppi errori nelle ordinazioni: bacon sul gelato e centinaia di nuggets non richieste

Mc Donald sospende l’utilizzo dell’intelligenza artificiale nei ristoranti drive-though nei quali aveva installato l’Automatich Order Taking.

La catena di fast food aveva infatti intuito le potenzialità dell’AI e grazie ad una partnership con IBM, nel 2021 aveva annunciato lo sviluppo della tecnologia AOT per favorire semplicità negli ordini, sia per i clienti che per gli addetti dei ristoranti.

Il prodotto sviluppato è risultato tra i più competitivi nel settore, ma McDonald’s ha riscontrato problematiche nella gestione degli ordini : i clienti hanno infatti lamentato combinazioni alimentari bizzare (topping di bacon sul gelato) o ordini non richiesti (ad esempio centinaia di nuggets), oltre a malfunzionamenti più tradizionali, come difficoltà nell’invio dell’ordine.

Lo chief Restaurant Officer Mason Smoot ha quindi annunciato che “dopo un attento esame, McDonald’s ha deciso di porre fine all’attuale partnership con IBM per la tecnologia AOT e la tecnologia sarà disattivata in tutti i ristoranti che la stanno testando entro il 26 luglio 2024”.

Il progetto era stato avviato nel 2021 e coinvolgeva solo una parte dei 13mila punti vendita americani di McDonald’s.

 “L’intelligenza artificiale farà chiaramente parte dell’automazione e dell’efficienza dei ristoranti, ma la tecnologia è ancora agli albori  ha dichiarato a Wired David Henkes, esperto del settore – L’esperienza e l’impegno di McDonald’s nel campo dell’AI mostrano i potenziali vantaggi, ma anche i limiti della tecnologia al momento attuale”. 

Back to top button