RISERVATEZZA DEI DATI

Google: da un database interno emergono problemi con privacy e sicurezza

Migliaia di incidenti svelati da un documento interno

Lo ha rivelato il sito 404 Media che è entrato in possesso di un documento interno Google: negli ultimi 6 anni, il motore di ricerca ha erroneamente raccolto registrazioni con la voce di bambini, rivelato dati come i percorsi di viaggio e gli indirizzi di residenza di utenti che hanno usato alcuni servizi di car pooling, suggerito raccomandazioni su YouTube tenendo conto della cronologia delle visualizzazioni cancellata da YouTube. Sono i dipendenti stessi di Google che hanno segnalato le problematiche sul database interno: segnalazioni su prodotti della stessa Google, su prassi relative alla raccolta dati, vulnerabilità che riguardano vendor di terze parti, errori commessi dallo staff di Google, da appaltatori e persone che, a vario titolo, hanno condizionato sistemi e dati di Google.

Una falla enorme in termini di sicurezza e privacy.

Google afferma che molti incidenti non sono sati precedentemente resi noti perché risolti rapidamente, ma resta la macchia sulla cattiva gestione di dati per milioni di utenti.

Il documento parla di incidenti che hanno permesso di rilevare dati personali, a rilevanti perdite di dati, fino ad incursioni avvenute negli uffici di Google dal 2013 al 2018. In un caso del 2016, un dipendente segnalava che Street View trascriveva e memorizzava le targhe visibili in varie foto, funzionalità automaticamente attivata quando vengono individuati testi nelle immagini di Street View.

Back to top button