NOVITÀ NORMATIVE

Ddl cyber sicurezza: oggi in Consiglio dei Ministri

Il disegno di legge prevede inasprimenti di pene per i pubblici ufficiali o gli addetti a pubblico servizio che accedono abusivamente ad un sistema informatico.

Sarà discusso oggi in Consiglio dei Ministri il DDL sulla Cyber sicurezza che prevede un giro di vite contro gli hacker . Inoltre,  le pene per i pubblici ufficiali o gli addetti a pubblico servizio che accedono abusivamente ad un sistema informatico -oggi si va da 1 a 5 anni di reclusione- passano a 2-10 anni. Prevista anche una stretta per chi detiene o fornisce programmi per danneggiare sistemi informatici: fino a 2 anni di reclusione e multa da 10.329 euro.

Nel disegno è previsto che, in caso di incidenti informatici a Pubbliche amministrazioni centrali, a Regioni, ai Comuni, alle Asl e aziende del trasporto pubblico locale,  la notifica deve arrivare entro 24 ore al massimo da quando ne sono venuti a conoscenza . In caso di ritardi, l’Agenzia per la cybersicurezza nazionale potrà inviare ispezioni e, se l’inosservanza si ripete, applicare una multa da 25mila a 125mila euro. Queste sanzioni  valgono anche per le Pa che non si adeguano alle indicazioni dell’Agenzia su vulnerabilità a cui sono esposte.

 Durante la riunione preparatoria, in corso ieri, nell’ordine del giorno anche la “legge Ferragni”, il ddl sulla trasparenza nella beneficenza e il dl sull’election day, slittato dalla settimana scorsa.

Back to top button