GADGET & CURIOSITA'

Il memorabile pesce d’Aprile di Deliveroo ai suoi clienti francesi

Ma l’operazione non sembra aver sortito un buon effetto

Il primo Aprile migliaia di clienti dell’azienda di recapito di pasti a domicilio hanno ricevuto un messaggio di posta elettronica che confermava – per ciascuno di loro – ordini per un totale di oltre 450 euro.

E’ successo in Francia e immediatamente le proteste hanno invaso i social che hanno veicolato il fastidio dei consumatori e travasato online la loro legittima insofferenza.

Solo nella tarda serata di giovedì Deliveroo ha informato la clientela tramite Twitter e via mail che non c’era nulla di vero e di serio ma si era semplicemente trattato di una piccola burla.

“Confermiamo che era uno scherzo del pesce d’Aprile. Puoi goderti la serata ordinando la pizza che preferisci” si leggeva nel testo diffuso da Deliveroo ma la reazione del proprio pubblico non è stata affatto divertita.

Un cliente, che aveva ricevuto una fattura di 466 euro per 38 pizze mai ordinate, ha dichiarato di aver “quasi avuto un ictus”. Molte persone hanno confessato di essere state prese dal panico e di aver immediatamente cercato di chiamare le rispettive banche per bloccare qualsiasi pagamento.

Deliveroo – per farsi perdonare – ha promesso ai destinatari delle false fatture l’invio gratuito di 50 bustine di salsa piccante. Forse era meglio spedire camomilla per sedare gli animi…

Back to top button