WIKI WIKI NEWS

Vito Crimi e i “20-30 miliardi” da destinare all’ecologia

Molti anni fa, a Salerno, un colonnello dei carabinieri di un tempo, molto rigido e integralista della disciplina domandò ad un ‘piantone’ di guardia alla porta carraia della caserma a che ora fosse smontato dal servizio. Il malcapitato militare rispose “alle 7.30 -8.00″ dimostrando di non conoscere con precisione neppure l’orario in cui  doveva terminare il proprio turno. La reazione dell’arcigno ufficiale non fu benevola né tantomeno indulgente!

La scena è apparsa simile, ieri sera, alla trasmissione di Floris “Di Martedì” quando Marco Damilano, direttore dell’Espresso,  ha chiesto a Vito Crimi, a seguito delle convinte asserzioni sulle istanze ecologiste da garantire nel Recovery Fund, se sapesse l’importo già destinato a tale voce nel bottino europeo. Impacciato come il piantone  alla porta carraia di Salerno, il reggente del primo partito in Parlamento ha risposto con approssimazione “20-30 miliardi’ come se l’evidente scostamento di somma fosse irrilevante. Damilano ha fatto osservare come i denari concordati dai partiti per tale capitolo ammontassero invece a 68 miliardi. A quel punto, sempre come il povero militare di guardia beccato impreparato dal colonnello, Crimi ha balbettato qualcosa a giustificazione, ma con minor imbarazzo.  

Back to top button