WIKI WIKI NEWS

Semplice “conflitto” di interesse o guerra mondiale?

Sono orgoglioso e comprendo quanto siano importanti le soddisfazioni personali.

Credo sia legittimo l’entusiasmo nel vedere i traguardi raggiunti e nel rendere partecipi amici e conoscenti a dispetto delle immancabili invidie.

L’avvocato Guido Scorza, consigliere giuridico del Ministro per l’Innovazione, manifesta su Linkedin la sua gioia e scrive “scopri che il tuo Studio (www.e-lex.it) è considerato (che è diverso dall’esserlo!) tra i migliori studi legali italiani nel settore della privacy e della cybersecurity”.

Legittimo ma inopportuno? Opportuno ma… strano?

Vantare certi risultati può effettivamente sembrare strano, soprattutto quando a farlo è chi riveste un ruolo istituzionale per il quale è stata (o dovrebbe esser stata) fornita assicurazione in ordine alla estraneità allo “svolgimento di attività professionali” soprattutto se in materia coincidente con quella governativa (circostanza che già avevamo rappresentato qui su Infosec il 6 maggio scorso senza turbare la coscienza di nessuno).

Mentre ci si complimenta con l’avvocato Scorza per essere contemporaneamente nell’Olimpo ministeriale e nella “hit parade” del mercato, piacerebbe trovare risposta ad una serie di domande che i comuni mortali si stanno ponendo nella loro ingenua innocenza.

Cosa si intende per “conflitto di interessi”? Cos’è? Ma esiste davvero?

Tags
Back to top button
Close
Close