AEROSPAZIO

Ecco la ricetta della NASA per pandemia e aerospazio

La crisi colpisce anche le realtà solite puntare in alto e il pianeta da raggiungere è la Terra, quella prima del contagio

Per proteggere la salute e la sicurezza della forza lavoro della NASA mentre la nazione tenta di arginare i contagi, l’agenzia ha recentemente ultimato la prima valutazione del lavoro in corso in tutte le missioni, progetti e programmi. L’obiettivo era sostanzialmente quello identificare e catalogare le attività che possono essere eseguite in remoto dai dipendenti a casa, le operazioni cruciali che devono essere invece eseguite in loco e il lavoro in loco che dovrà essere messo temporaneamente in standby.

“Ci prenderemo cura della nostra gente. Questa è la nostra prima priorità“, ha dichiarato l’amministratore della NASA Jim Bridenstine. “La tecnologia ci consente di fare molto di ciò che dobbiamo fare da remoto, ma, quando è richiesto un lavoro pratico, è difficile se non impossibile rispettare le linee guida CDC durante l’elaborazione dell’hardware del volo spaziale e dove non possiamo farlo in sicurezza dovremo sospendere il lavoro e concentrarci sulle attività mission-critical”.

L’agenzia ha definito come lavoro essenziale tutte quelle operazioni che devono essere eseguite per mantenere operative tali missioni critiche al fine di garantire il programma di lanci o tutte quelle attività utili al mantenimento della sicurezza collettiva e delle infrastrutture principali. Ciò include il lavoro a sostegno della sicurezza nazionale americana e delle funzioni essenziali per la missione della nazione. La NASA comunque valuterà continuamente tutte le attività man mano che la situazione si evolve.

La missione Mars 2020 della NASA, che comprende Perseverance Rover e Mars Helicopter, rimane una priorità per l’agenzia, e proseguiranno i preparativi per il lancio e altre missioni. Gran parte del lavoro viene svolto da dipendenti e appaltatori che lavorano in remoto in tutta l’agenzia. Sono in corso valutazioni da parte della direzione dell’agenzia per chiunque sia tenuto a lavorare in aree soggette a restrizioni, come il Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, in particolare dopo il recente annuncio del governatore della California.

Sempre in California, il team di James Webb Space Telescope sta sospendendo le operazioni e i test. Le decisioni naturalmente sono soggette a variazioni a seconda del modificarsi delle condizioni attuali. La decisione è stata presa con l’unico scopo di garantire l’incolumità dei dipendenti. Inoltre, Lockheed Martin continua i lavori sul primo aereo X pilotato su larga scala della NASA X-59 in oltre 30 anni, mentre la supervisione e le ispezioni della NASA saranno condotte quasi esclusivamente virtualmente.

Il lavoro sul programma Artemis dell’agenzia continua con una produzione limitata di hardware e software per il razzo Space Launch System (SLS) della NASA. Le attività di produzione e collaudo di SLS e Orion presso la Michoud Assembly Facility e lo Stennis Space Center della NASA sono state temporaneamente sospese. La navicella spaziale Orion Artemis I verrà spedita dal Glenn Research Center dell’agenzia al Kennedy Space Center, dove alla fine verrà collegata su SLS per la missione lunare di Artemis I. Continuano i lavori di assemblaggio e lavorazione del veicolo spaziale Artemis II Orion, che dovrà essere il primo volo con equipaggio nell’ambito del programma Artemis, a Kennedy.

L’Ames Research Center della NASA mantiene online le risorse di supercomputing dell’agenzia, così come il Centro operativo di sicurezza IT della NASA e le operazioni dei veicoli spaziali in volo. Anche tutto il lavoro associato al supporto delle operazioni della Stazione Spaziale Internazionale continua. I controllori di volo stanno lavorando nel Mission Control Center del Johnson Space Center di Houston, dove una serie di misure aggiuntive sono entrate in vigore all’inizio di marzo per ridurre il rischio di esposizione della squadra.

Un altro tassello che non si appresta a fermarsi è la formazione degli astronauti, così come i preparativi per il lancio dell’astronauta della NASA Chris Cassidy e di due cosmonauti russi. La NASA e i suoi partner internazionali e commerciali hanno preso come di consueto provvedimenti per impedire all’equipaggio di portare malattie come il raffreddore o l’influenza alla Stazione Spaziale Internazionale. Come per tutti i lanci con equipaggio, gli equipaggi devono infatti rimanere in quarantena per due settimane prima di poter partire. Questo processo assicura che non siano ammalati o che non stiano incubando una malattia una volta giunti alla stazione spaziale e viene definita “health stabilization”.

Proseguono i lavori sul programma dell’equipaggio commerciale dell’agenzia, un elemento fondamentale per il mantenimento di operazioni sicure sulla Stazione Spaziale Internazionale e le attività commerciali di rifornimento. Le future missioni continueranno come previsto per mantenere l’equipaggio della stazione spaziale completamente rifornito e sicuro.

La NASA supporta anche operazioni essenziali per tutti i veicoli spaziali. Ciò comprende il telescopio spaziale Hubble e la rete di comunicazioni spaziali, nonché le missioni satellitari che supportano l’amministrazione nazionale oceanografica e atmosferica e il dipartimento della difesa, compresi quelli che forniscono dati meteorologici e GPS critici.

La maggior parte dei dipendenti dell’agenzia riesce così a rimanere nello stato Stage 3, con telelavoro obbligatorio per tutti i dipendenti con eccezioni limitate per il lavoro in loco. Ames, Michoud e Stennis sono nella fase 4, ovvero adoperano personale in loco per proteggere le infrastrutture critiche e vitali. La NASA continua comunque a monitorare gli sviluppi riguardanti COVID-19 in tutta la nazione e segue le indicazioni della Task Force del Coronavirus della Casa Bianca, dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e di funzionari sanitari locali e statali al fine di mantenere la comunità della NASA al sicuro.

Back to top button
Close
Close