CONTRIBUTORS

Enrico CECCHI

Generale di Brigata in congedo della Guardia di Finanza, revisore ufficiale dei conti, si è formato frequentando il 75° Corso di Accademia e successivamente il Corso di Applicazione, si è laureato in Scienze della Sicurezza Economico-Finanziaria all’Università di Roma Tor Vergata e specializzato in materia finanziaria e valutaria presso la Scuola di Polizia Tributaria e seguendo i corsi periferici del Department of Treasury – United States Custom Service.
Nel corso della sua carriera professionale ha ricoperto importanti ruoli di responsabilità alle sedi di Bari (comandante di Sezione Mobile della 11^ Legione GdF, della 3^ Compagnia GdF, della Sezione Repressione Contrabbando e Sezione “I” del Nucleo Regionale di Polizia Tributaria), di Milano (comandante di Drappello e poi Sezione del III Gruppo del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria, e della Sezione speciale distaccata presso la Procura della Repubblica di Milano per indagini di alto profilo nel contrasto ad associazioni di stampo mafioso,) e di Como (comandante di Sezione del Nucleo Provinciale di Polizia Tributaria).
Trasferito a Roma ha prestato servizio al Comando Generale della Guardia di Finanza per incarichi speciali in veste di ufficiale addetto all’Alto Commissario per il coordinamento della lotta contro la delinquenza mafiosa come diretto collaboratore del Prefetto Domenico Sica. Successivamente è passato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, assegnato allo Speciale Nucleo istituito ex art.1 ter Legge 486/1988 dell’Alto Commissario per il coordinamento della lotta contro la delinquenza mafiosa, dirigendo indagini relative alla criminalità organizzata di tipo mafioso operante in Lombardia, nell’Emilia Romagna e nelle Marche.
Ha lavorato alla sede di Bologna, al Servizio Informazioni per la Sicurezza Militare (SISMI) con compiti di Intelligence economica ed industriale, per poi rientrare a Milano distaccato al Ministero dell’Interno per incarichi speciali, quale dirigente della Direzione Investigativa Antimafia con la precisa responsabilità di coordinare le Investigazioni Preventive ed Antiriciclaggio. E’ stato poi Comandante Provinciale della Guardia di Finanza a Trento, Capo di Stato Maggiore del Comando Regionale Marche della GdF in Ancona e quindi Comandante Provinciale a Rimini
In possesso del brevetto di paracadutista e destinatario di numerosi attestati pubblici per atti di valor civile tributatigli nel tempo da diverse Autorità, ha meritato – per l’attività investigativa – ben 6 encomi solenni e 16 encomi semplici e il certificato di lode della Drug Enforcement Administration del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti d’America.
Decorato con la croce d’oro al merito di servizio, della medaglia d’oro di lungo comando, della medaglia Mauriziana per dieci lustri di carriera militare, è insignito dell’onorificenza di “Cavaliere Ufficiale” dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana e di analoghi riconoscimenti cavallereschi della Repubbliche di Austria e di San Marino e dello Stato della Città del Vaticano.
Autore di numerose pubblicazioni, ha svolto per molti anni attività di docenza di materie tecnico-professionali, di diritto penale e di procedura penale nei corsi di qualificazione per sottufficiali della Guardia di Finanza.

I SUOI ARTICOLI

    Back to top button